Chi è online

 1 visitatore online

Messaggio

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Burrasca del 15 maggio 2010

Burrasca del 15 maggio 2010

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Una brutta avventura che è finita bene...

Un amico velista prende il mare da Lefkas in Grecia con destinazione Crotone, per portare la propria imbarcazione, una goletta bialbero di 19 metri, a riposo in secco a terra.

la sera del primo giorno di navigazione, però l'autopilota va in avaria ed è costretto a governare in pozzetto per tutta la notte, fino al mattino, quando riesce a ripristinarne l'uso.

Nel frattempo le condizioni del mare mutano verso il brutto e decide di ammainare la randa e viaggiare con il fiocco parzialmente rollato.

Anche in questo caso c'è una piccola ma fastidiosa avaria: il rollafiocco si incastra in testa d'albero impedendone l'avvolgimento totale, per cui è costretto a farlo fileggiare.

Il mare monta e così il vento, le onde spazzano la coperta senza sosta, il fiocco comincia a lacerarsi, a questo punto, infreddolito, stanco ed affamato decide di chiudersi in quadrato e proteggersi con una coperta.

Così perde i sensi, rimamendo in balia del mare per ore.

A tratti riprende coscienza riuscendo a trasmettere tramite il telefono satellitare che aveva con se, l'allarme alla moglie che lo aspettava.

Grazie a questa segnalazione ed a una rete di amici, partiva il soccorso aereo da Catania con un mezzo speciale che lo intercettava al largo fra Leuca e Gallipoli. I mezzi della CP, viste le condizioni proibitive del mare, fanno raggiungere il malcapitato da una nave cargo, il "Miramis".

A questo punto, a motore, con la protezone fornita dal mercantile, il velista viene portato a bordo e soccorso, mentre si assicurano delle funi alla goletta per tentarne il rimorchio a Taranto, dove è diretto il cargo.

Purtroppo le violente imbardate fanno saltare le cime di rimorchio, lasciando la barca alla deriva.

Un secondo cargo, provvederà nelle ore successive a tenere monitorata sul radar la posizione della barca comunicando costantemente con la CP di Taranto e Gallipoli.

Nella serata di domenica quindi, il velista viene sbarcato a Taranto, dove dopo gli adempimenti di rito in CP, provvederà ad organizzare il recupero della sua barca, cosa che avverà il mattino seguente a cura di due motopesca di Porto Cesareo.

La giornata di lunedì 16 passa quindi a sistemare la barca al meglio per riprendere il Martedì 17 con meteo clemente l'ultimo tratto per Crotone dove è  arrivato a tarda notte senza difficoltà.

Qui una foto della barca a Porto Cesareo.

fonte:dalla rete.